Trama

Marco, giornalista di cronaca nera, sposato con l’avvenente hostess Adria, indagando sul mondo degli annunci erotici video, si trova prima in casa di un professore gay, poi fa salire in auto un certo Maurice che lo rapina e lo stordisce, mentre viene ucciso lì vicino il professore gay. In Questura, dove ha l’appoggio dell’amico magistrato Roberto, il professore risulta essere Edoardo Giorni, mentre Marco non identifica Maurice allo scopo di strappargli il nome dell’assassino. Incaricato dalla sua televisione dell’inchiesta torna al parco con l’operatrice Licia: qui trova il biglietto di un locale particolare, lo “Smania”. Un ragazzo “di vita” polacco finge di portarlo da Maurice, e lo lascia invece in un vicolo di periferia dove viene stordito. Successivamente Marco recatosi allo “Smania”, intravede Maurice con un giovane, Andrea, ed esce con costui, finendo per portarselo a casa: la notte, fingendo di dormire, cede agli approcci del giovane. Il giorno dopo trova, con l’aiuto di Andrea, Maurice, che gli confessa di rubare per un amico malato di AIDS. Marco promette di non denunciarlo, e gli dà un biglietto da visita affinché lo avvisi se scopre qualcosa. Mentre Marco ha un rapporto erotico con la collega Marina, Maurice annota il numero di un’automobile sospetta sul biglietto da visita di Marco, ma viene trafitto da un ombrello animato dall’omicida, che strappa il lembo col numero di targa dal biglietto e lo ripone nella tasca del morto, per incastrare ulteriormente il giornalista, che rischia l’arresto. Poi, tramite il videotel prende appuntamento con una certa Linda, vista allo “Smania”, che lo presenta all’onorevole Crudis, amico sia di Giorni che di Andrea. Crudis prima lo fotografa di nascosto, poi quasi lo soffoca con una busta di plastica, e poi, messo alle strette, rivela che Giorni lo ricattava: poco dopo anche lui viene ucciso. Adria, che dà il giorno dopo appuntamento a Marco ma viene ferito e muore dopo essere riuscito a scrivere sul parabrezza le lettere “ind”. Al videotel “Indeciso 90” uno dei “giocatori” invita Marco la notte al parco. Qui arriva invece Caterina, la vecchia madre di Roberto, che brandisce l’ombrello animato, ma lo bacia affettuosamente. Il killer è in realtà il figlio, che si confessa in un drammatico incontro con l’amico minacciandolo dapprima con una pistola poi suicidandosi.

Scheda tecnica

Autore soggetto: Pierfrancesco Campanella

Autore sceneggiatura: Pierfrancesco Campanella

Regia: Pierfrancesco Campanella

Interpreti: Tomas Arana, Lorenzo Flaherty, Gianfranco Jannuzzo, Natasha Hovey, Colin Spence, Barbara Scoppa

Anno di produzione: 1994

Durata: 92

Formato: Panoramico 35 mm

Colore/Bianco nero: colore

Genere: Thriller

1° proiezione: 02/06/94

Visto censura: n. 89446 del 28/04/1994

Divieti: Nessun divieto

Iscrizione PRC: n. 8016

Galleria immagini